新闻

18/07/2017

基金会

Rapporto annuale Cina 2017, presentazione Roma

La Fondazione Italia Cina ha presentato oggi alla Farnesina il suo Rapporto annuale “Cina 2017. Scenari e prospettive per le imprese” elaborato dal CeSIF, il Centro Studi per l’Impresa della Fondazione Italia Cina, e curato da Alberto Rossi e Filippo Fasulo. La guida presenta gli scenari politici, economici e di accesso al business in Cina, con un approfondimento dei settori di maggior interesse per le imprese italiane, e delle opportunità di investimento per le imprese cinesi in Italia.

La presentazione di oggi si è tenuta presso la Sala Conferenze Internazionali della Farnesina ed è stata organizzata dalla Fondazione Italia Cina in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. All’evento sono intervenuti Ettore Francesco Sequi, Ambasciatore italiano in Cina (in collegamento video) | Ivan Scalfarotto, Sottosegretario Ministero dello Sviluppo economico (in collegamento video) | Li Ruiyu, Ambasciatore cinese in Italia | Margherita Barberis, Direttore Generale Fondazione Italia Cina | Filippo Fasulo, Coordinatore Scientifico CeSIF - Fondazione Italia Cina | Alberto Rossi, Responsabile Marketing e Analista CeSIF - Fondazione Italia Cina | Francesco Palumbo, Direttore Direzione Generale Turismo - Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo | Enrico Toti, Responsabile China Desk NCTM |  Fausto Palombelli, Direttore Marketing e Sviluppo Aviation Aeroporti di Roma | Silvio Angori, Amministratore Delegato e Direttore Generale Pininfarina. Gli interventi sono stati moderati da Vincenzo De Luca, Direttore Generale per la promozione del Sistema Paese Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Nel 2016 l’interscambio tra Italia e Cina ha superato i 38 miliardi di euro, con le nostre esportazioni che valgono oltre 11 miliardi di euro, in crescita di circa il 6% rispetto allo scorso anno. L’Italia è la terza destinazione europea per gli investimenti cinesi e nel nostro Paese hanno già investito 168 gruppi cinesi, soprattutto partecipando aziende italiane, che impiegano oltre 21 mila dipendenti e generano un fatturato superiore a 12 miliardi di euro. Questi dati ci danno l’esatta misura di come la Cina sia ormai diventato per l’Italia un partner di primaria importanza. Sono dunque lieto che la presentazione del nuovo rapporto annuale “Cina 2017. Scenari e prospettive per le imprese”, il rapporto previsionale giunto alla sua ottava edizione che raccoglie ricerche, analisi di rischio e previsioni nel breve-medio periodo sulla Cina, elaborato dal Centro Studi per l’Impresa della Fondazione Italia-Cina venga presentato oggi alla Farnesina”. Questa la dichiarazione del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Angelino Alfano prima dell’importante appuntamento di diplomazia economica. 

 L’edizione 2017 del Rapporto Annuale è composta da 486 pagine, 366 grafici, 65 tra tabelle e box. La pubblicazione prevede otto sezioni: le prime quattro riportano un’analisi di rischio Paese da un punto di vista politico, macroeconomico e di business environment. La quinta espone le principali implicazioni e opportunità settoriali per le imprese estere in Cina, con particolare riferimento a quelle italiane, ma anche per l’Italia come Paese. Nello specifico sono analizzati 11 settori: alimentare, sanitario, retail, beni di lusso, energia e tecnologie pulite, ambiente, chimica, macchinari, automotive, media e intrattenimento, arredamento. Il capitolo 6 racchiude una disamina dell’attrattività delle 31 province cinesi mentre il settimo presenta le opportunità in Italia: turismo cinese e shopping, investimenti e incoming di studenti dalla Cina. Nell’appendice i dati provinciali, con le previsioni per il prossimo quinquennio 2017/21.  

In questi otto anni – da quando abbiamo iniziato a pubblicare il Rapporto, diventato negli anni la più importante guida al mercato cinese per le imprese italiane – molte cose sono cambiate e soprattutto è cambiato il nostro modo di guardare alla Cina: un tempo sconosciuta, poi temuta, successivamente ambíta meta per molti imprenditori italiani” ha dichiarato Margherita Barberis, Direttore Generale della Fondazione Italia Cina. “Sono tante le sfide che attendono la Cina nei prossimi anni e che ci vedranno coinvolti. Un cammino irto di difficoltà ma anche di nuove possibilità. In questo percorso la Fondazione Italia Cina continuerà a restare al fianco delle aziende italiane interessate all’internazionalizzazione verso Est. Tre strumenti, per noi importanti: formazione, informazione e assistenza alle imprese, anche con progetti studiati ad hoc. Il nostro obiettivo resta quello di aiutare il Sistema Paese a crescere e a farsi trovare pronto ad accogliere quelle opportunità che la Cina ci offrirà nei prossimi anni”. 
                                                     
                                            Cliccare qui per scaricare gli highlights del Rapporto annuale 2017

合作伙伴

会员

订阅新闻
意中基金会

意中基金会

Via Clerici, 5 - 20121 Milano - Italia
电话 +39 02 72000000
info@italychina.org

本网站使用cookies,包括第三方,根据您的喜好向您发送广告和服务。 关闭此横幅,滚动浏览此页面或点击其中的任意元素即表示您同意使用Cookie